• Document: Sintesi dell elaborato finale del Master
  • Size: 46.69 KB
  • Uploaded: 2019-02-13 16:14:08
  • Status: Successfully converted


Some snippets from your converted document:

News_2_06 tris 24-08-2006 9:29 Page 38 pubblicazioni Il dipartimento ospedaliero: analisi delle implicazioni organizzative e del coordinamento infermieristico Pertusini Simona, Infermiera - A.O. Sant’Anna di Como - Presidio di Menaggio S intesi dell’elaborato finale del Master Universitario di primo livello in Management Il lavoro è costituito da tre parti: La prima, prende in considerazione non infermieristico per le funzioni di coordina- soltanto l’aspetto normativo ma in che modo e mento, Università Vita-Salute San Raffaele, a.a quanto questo tipo di struttura si sia imple- 2003-2004 mentata. La seconda è prettamente legata al Introduzione Dipartimento Emergenza e Urgenza nel quale In generale adottare strutture dipartimentali espleto la mia attività: vengono affrontati gli significa ridisegnare l’assetto organizzativo: la obiettivi generici di un dipartimento di questo frammentazione dell’assistenza supportata tipo mettendo in rilievo l’assetto organizzativo dalla specializzazione è entrata sempre più in del contesto nel quale lavoro. conflitto con i problemi sanitari del paziente, La terza è centrata unicamente sulla figura per i quali viene richiesto un approccio inte- che sta prendendo piede in questi ultimi anni, grato da parte degli operatori sanitari, assicu- ma che in molte realtà è ancora sconosciuta: il rando assistenza in momenti diversi e comun- Coordinatore Infermieristico di Dipartimento, que in modo predeterminato, concordato e il cui ruolo, collocato in posizione intermedia coordinato. Inoltre al dipartimento viene attri- tra gli infermieri dirigenti d’Azienda e i coordi- buito il ruolo di razionalizzazione nell’uso natori di Unità Operativa, assume una posizio- delle risorse, in un contesto dove le risorse ne strategica. sono sempre più scarse, che si esplica soprat- tutto attraverso l’ottimizzazione dei percorsi La prima apparizione in tema di dipartimenti clinici. Costi, flessibilità organizzativa, centra- ospedalieri risale alla legge 132 del 1968 (e lità del paziente, assumono un ruolo predomi- successivo DPR attuativo 128/69) con cui il nante. legislatore sottolineava la necessità e l’oppor- tunità di adottare schemi organizzativi diparti- Obiettivo mentali negli ospedali con il fine di “migliora- Lo scritto ha lo scopo di fornire sia un quadro re l’efficienza operativa, l’economia di gestione descrittivo utile alla comprensione della for- e il processo tecnico-scientifico”1. mazione e funzionamento dei dipartimenti, Nonostante fosse qualcosa di assolutamente che delineare le competenze richieste al innovativo, non trovò applicazione in quanto Coordinatore Infermieristico di Dipartimento, veniva indirizzata verso un sistema cultural- riflettendo sull’importanza di questa nuova mente inadeguato per recepirla. I punti fonda- figura. mentali della dipartimentalizzazione si concre- 1Santullo A., L’infermiere e le innovazioni in Sanità, McGraw-Hill, Milano, 1999, pag.64 IO INFERMIERE - N.2 /2006 41 News_2_06 tris 24-08-2006 9:29 Page 39 tiz

Recently converted files (publicly available):