• Document: LAVOROSICURO.
  • Size: 3.81 MB
  • Uploaded: 2019-02-13 22:25:11
  • Status: Successfully converted


Some snippets from your converted document:

LAVOROSICURO Guida operativa per un Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul lavoro www.lavorosicuro.tv PRESENTAZIONE Uno degli aspetti più innovativi del decreto legislativo 626 del 1994 e della direttiva quadro europea 391 del 1989 è legato alla finalità, dichiarata fin dal titolo di entrambi i provvedimenti, del “miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro”. L’introduzione del concetto di “miglioramento” e gli ulteriori aspetti innovativi di tale disciplina come il servizio di prevenzione e protezione, la valutazione dei rischi periodica, il rappresentante dei lavoratori, le funzioni del medico competente, segnano in modo chiaro e preciso la strada da intraprendere e cioè un approccio organico e organizzato all’attività di prevenzione negli ambienti di lavoro. In quest’ottica si colloca il nuovo “Piano regionale triennale 2002 – 2004 di prevenzione e promozione della salute negli ambienti di lavoro” che prosegue l’azione avviata nel 1999 dal primo Piano regionale impostata sul coinvolgimento delle associazioni di categoria, delle organizzazioni sindacali, della scuola e delle forze sociali e istituzionali e sull’ulteriore qualificazione dell’attività dei Servizi di Prevenzione delle Aziende Ulss. Il dialogo con le parti sociali è stato avviato con la consapevolezza che tale sinergia consente al servizio pubblico di conoscere più approfonditamente le problematiche legate al lavoro e quindi di agire in maniera più efficace per prevenire gli infortuni. Un’azione specifica del nuovo Piano Triennale mira anche allo sviluppo di competenze necessarie alla valutazione dell’organizzazione dei sistemi di gestione della sicurezza interni alle aziende. Si riconosce che la spinta verso l’introduzione volontaria nelle imprese di sistemi di gestione della sicurezza rappresenta un’ulteriore risposta positiva e qualitativamente valida alle esigenze di continuo miglioramento. Per questa ragione si apprezza e condivide l’iniziativa di una Guida Operativa mirata a facilitare l’utilizzo di migliori pratiche di gestione da parte di un sempre maggior numero di imprese. La presente pubblicazione infine conferma l’attenzione che la Regione del Veneto, le imprese e le Organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori hanno sempre posto verso un tema di grande importanza civile quale quello dell’igiene e della sicurezza sul lavoro. REGIONE DEL VENETO Il Vicepresidente Assessore alle Politiche Sanitarie Fabio Gava Il logo “lavorosicuro” costituisce marchio d'impresa regolarmente depositato da Formazione Unindustria Treviso, che ne detiene il diritto d'uso esclusivo per contraddistinguere beni e servizi di propria produzione. Pertanto ogni iniziativa posta in essere da soggetti terzi, volta ad utilizzare tale marchio o diciture analoghe, in qualsivoglia contesto e per qualsiasi finalità, integra a tutti gli effetti la fattispecie della contraffazione di marchio. L'utilizzo della denominazione in questione da parte di soggetti terzi senza autorizzazione scritta di Formazione Unindustria Treviso, costituisce una violazione delle norme poste a tutela del diritto d'autore, di cui alla Legge 22/4/1941, n. 633, oltre ad integrare una fattispecie di reato ai sensi della Legge medesima. Ogni violazione verrà perseguita a norma di Legge. www.lavorosicuro.tv INDICE INDICE p. 3 ABBREVIAZIONI p. 5 Da “linee Guida UNI/INAIL” PREMESSA p. 6 PRESENTAZIONE P. 9 Da “linee Guida UNI/INAIL” LA POLITICA PER LA SSL. - PIANIFICAZIONE P. 11 ESEMPIO 01 Politica della Sicurezza p. 13 ESEMPIO 02 Pianificazione degli Obiettivi P. 14 Da “linee Guida UNI/INAIL” STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA p. 16 PROCEDURE GESTIONALI : PGSS 01: Struttura e Organizzazione del Sistema p. 18 ESEMPIO 01/PGSS01: Compiti e responsabilità – Ruoli per la Sicurezza p. 20 Da “linee Guida UNI/INAIL” COINVOLGIMENTO, FORMAZIONE, ADDESTRAMENTO P. 23 PGSS02: Flussi comunicativi, formativi e relazionali p. 25 ESEMPIO 01/PGSS02: Strumenti dell’informazione p. 27 ESEMPIO 02/PGSS02: Progettazione delle attività formative p. 28 ESEMPIO 03/PGSS02: Reg

Recently converted files (publicly available):