• Document: CONTROLLO MOTORIO SNC
  • Size: 4.38 MB
  • Uploaded: 2018-10-20 14:51:11
  • Status: Successfully converted


Some snippets from your converted document:

CONTROLLO MOTORIO SNC PRIMA FGE aa.2015-16 OBIETTIVI • Funzioni del tronco encefalico nel controllo della postura • Vie del tronco encefalico • Localizzazione, organizzazione somatotopica, cellulare e topografica della corteccia motoria • Vie discendenti corticospinali e corticobulbari • Organizzazione e funzione del feedback sensoriale alla corteccia motoria • Le aree supplementari motorie e la programmazione del movimento • La corteccia parietale posteriore e integrazione sensoriale durante movimenti intenzionali IL SNC NEL SISTEMA MOTORIO • Principali strutture implicate 1. Neocorteccia organizzazione ed interpretazione informazioni sensoriali programmazione dei movimenti 2. Tronco dell’encefalo controllo di efferenze per il mantenimento di equilibrio e postura 1. Gangli della base 2. Cervelletto IL TRONCO DELL’ENCEFALO - VIE VM Vie Ventromediali discendenti ai MN spinali che controllano la muscolatura assiale 1.Tratto vestibolo spinale: controllo dell’equilibrio 2.Tratto tettospinale: movimento coordinati testa ed occhi 3.Tratto reticolospinale mediale: mantenimento postura, muscoli estensori, azione eccitatoria IL TRONCO DELL’ENCEFALO - VIA LR Tratto reticolo spinale laterale: controllo della postura, muscoli flessori, azione eccitatoria IL TRONCO DELL’ENCEFALO – TRATTO RS Tratto rubro spinale: dopo decussazione, MN flessori distali, azione eccitatoria IL TRONCO DELL’ENCEFALO (TE) • Mantenimento di postura ed equilibrio FUNZIONI MOTORIE DEL TRONCO DELL'ENCEFALO E DELL'APPARATO VESTIBOLARE FGE aa.2015-16 ARGOMENTI Formazione reticolare troncoencefalica Ruolo dei nuclei tronco encefalici Controllo del tono muscolare 9 TRONCO DELL’ENCEFALO FORMAZIONE RETICOLARE Definizione Area del tronco dell’encefalo costituita da piccoli gruppi di neuroni Cervelletto dispersi tra i grossi nuclei di sostanza grigia e tra una rete di fibre Mesencefalo orizzontali e verticali Suddivisione Mesencefalica Ponte Pontina Bulbare Bulbo 10 Funzioni motorie 11 troncoencefaliche AFFERENZE ALLA FORMAZIONE • FIBRE DA: RETICOLARE • MIDOLLO SPINALE • COLLATERALI DEI FASCI SPINO-TALAMICI • NERVI CRANICI • CERVELLETTO • IPOTALAMO • CORTECCIA CEREBRALE FR • CARATTERISTICHE: • NON SOMATOTOPICHE • DIFFUSE • EFFETTO OGNI STIMOLAZIONE SENSORIALE, OLTRE Funzioni motorie AD INVIARE SEGNALI FASICI AI CENTRI troncoencefaliche 12 SPECIFICI AUMENTA LA SCARICA TONICA DELLA FR EFFERENZE DALLA FORMAZIONE • FIBRE EFFERENTI PER: RETICOLARE • CORTECCIA CEREBRALE • TALAMO • CERVELLETTO • MIDOLLO SPINALE • CARATTERISTICHE • NON SOMATOTOPICHE • DIFFUSE FR • EFFETTO L’ATTIVITÀ TONICA DEI NEURONI RETICOLARI MANTIENE ATTIVATI I CENTRI SUPERIORI, DETERMINANDO LO STATO DI VIGILANZA, E CONTROLLA I CENTRI Funzioni motorie 13 MOTORI DEI MUSCOLI, DETERMINANDO IL troncoencefaliche TONO MUSCOLARE AZIONE DELLA FORMAZIONE RETICOLARE SUI MUSCOLI Vie facilitatorie Vie inibitorie Ai motoneuroni Funzioni motorie 14 spinali troncoencefaliche ARGOMENTI Effetti della sezione del midollo spinale Formazione reticolare troncoencefalica Ruolo dei nuclei tronco encefalici 15 ORECCHIO INTERNO • COCLEA (UDITO) • VESTIBOLO • UTRICULO • SACCULO • CANALI SEMICIRCOLARI • SUPERIORE (P. SAGITTALE) • LATERALE (P. ORIZZONTALE) • POSTERIORE (P. FRONTALE) • AMPOLLE 16 RECETTORI VESTIBOLARI Utriculo e sacculo • STRUTTURA DELLE MACULE • CELLULE CILIATE (RECETTORI) • CELLULE DI SOSTEGNO • FIBRE NERVOSE • MEMBRANA OTOLITICA • STIMOLO ADEGUATO • FLESSIONE DELLE CIGLIA PER SPOSTAMENTI DELLA MEMBRANA OTOLITICA DOVUTI A: • AZIONE DELLA FORZA DI F

Recently converted files (publicly available):